Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Gucci, tornare bambini per essere maschi diversi

Gucci, la sfilata menswear AI 2020/21
Gucci, la sfilata menswear AI 2020/21
Gucci, la sfilata menswear AI 2020/21
Gucci, la sfilata menswear AI 2020/21
Gucci, la sfilata menswear AI 2020/21
Gucci, la sfilata menswear AI 2020/21
Gucci, la sfilata menswear AI 2020/21
Gucci, la sfilata menswear AI 2020/21
Gucci, la sfilata menswear AI 2020/21
Gucci, la sfilata menswear AI 2020/21
Gucci, la sfilata menswear AI 2020/21
Gucci, la sfilata menswear AI 2020/21
Gucci, la sfilata menswear AI 2020/21
Gucci, la sfilata menswear AI 2020/21
Gucci, la sfilata menswear AI 2020/21
Gucci, la sfilata menswear AI 2020/21

Un’altra idea di mascolinità è possibile. E ricercarla può essere non solo utile, ma anche bellissimo. Parola di Alessandro Michele, direttore creativo di Gucci, la cui collezione menswear dedicata all’Autunno-inverno 2020/21 è andata in scena, a Milano, a chiusura della Settima della Moda Uomo.
Che quella di ridefinire non solo l’immaginario, ma la sostanza stessa, del «maschile» sia un’esigenza avvertita con impellenza da Michele ci era risultato chiaro fin dal suo esordio alle redini della griffe, ormai 5 anni fa (pochi, se ci pensiamo, ma un’intera era geologica nel rutilante mondo della moda che lui stesso ha contribuito a modificare così radicalmente). Ma ora Michele ci suggerisce anche un modo – uno dei tanti, forse il più poetico e struggente – per provare a farlo. Ovvero – Giovanni Pascoli insegna – facendo un salto carpiato all’indietro nel nostro più lontano passato, ripescando quel fanciullino per il quale tutto era possibile.

Perché, prima degli obblighi della prima elementare – «questo non è da maschio, non puoi metterlo, questo non lo puoi più fare, sei grande ormai, eccetera eccetera eccetera… -, tutti noi, nel modo più meravigliosamente inconscio possibile, abbiamo vissuto l’ebrezza di una libertà assoluta e sconfinata, senza etichette, che mai più avremmo saputo e potuto gustare.
Ed è proprio in quella libertà e in quell’incoscienza che, secondo Michele, si possono rintracciare i mattoni per costruire un’altra, forse più sincera, mascolinità.
«È uno show per soli uomini», esordisce scherzando Michele. «Sono contento di essere tornato a Milano, di poter rivedere i compiti che ho svolto nel passato, perché anche lo show col quale tutto è iniziato era maschile. Consideriamola un ripasso, questa sfilata: ripetere e ripetermi in questo percorso era molto importante per me».

Così, in passerella, abiti, giacchette e camicie piccoli, minuti, a vestire ragazzi sexy con il ciuffo rockabilly, che quasi sembrano interpreti di un se stesso di venti anni fa, con indosso gli stessi abiti di allora. «Mi interessa molto quello che c’ è si sorprendente nelle piccole cose dei bambini», chiarisce ulteriormente il direttore creativo. Ma a premergli è anche sottolineare come  la sua narrazione, quella mandata in passerella, non voglia di fatto escludere quella mainstream, ben più rassicurante e abituale. «Volevo raccontare la complessità dell essere uomo non per forza come ci è stato raccontato crescendo. Volevo rendere evidente la tossicità dell’essere maschile in un modo stereotipato. Una cosa estremamente pericolosa, per gli uomini ma anche per le donne. Questa sfilata  è un inno al sesso maschile, capace di tante cose, anche di revisionare quello che gli è stato insegnato. Anche di tornare indietro e di re-imparare un modo diverso di essere maschi. Ma attenzione: non voglio di struggere il mondo degli uomini, ma ampliarlo il più possibile».

Un’intenzione che ha una sua connotazione anche politica, nemmeno troppo velata: se è vero che i «ruoli» – e il loro facile mantenimento – interessano molto alla politica perché sono proprio i ruoli a rendere il governo più semplice, diverso – e più complicato – è governare gli individui.

Torniamo allora sui banchi di scuola. E impariamo di nuovo a essere maschi. Il fanciullino che è in noi lo pretende, e noi non possiamo che assecondarlo.

TUTTE LE STAR ALLE SFILATE DI MILANO MODA UOMO AI 2020/21:

Bianca Vitali e Stefano Accorsi da Giorgio Armani
Luca Marinelli e Alissa Jung da Giorgio Armani
Charles Leclerc da Giorgio Armani
Ferzan Ozpetek da Giorgio Armani
Taron Egerton da Giorgio Armani
Edoardo Leo da Giorgio Armani
Niels Schneider da Fendi
Barbara Palvin e Dylan Sprouse da Fendi
Cody Simpson da Fendi
Adele Exarchopoulos da Fendi
Fedez da Fendi
Iris Law da Fendi
Belen Rodriguez e Stefano de Martino da Marcelo Burlon
Antoine Bethea da Marcelo Burlon
Achille Lauro da Marcelo Burlon
Chiara Ferragni e Fedez da Prada
Barbara Palvin e Dylan Sprouse da Prada
Nicolas Winding Refn da Prada
Casey Spooner da Prada
Luca Guadagnino da Prada
Rickey Thompson da Prada
Theaster Gates da Prada
Eric Underwood da Salvatore Ferragamo
Marco Fantini da Salvatore Ferragamo
Tyrod Taylor da Salvatore Ferragamo
Irama da Etro
Andrea Pirlo e Valentina Baldini da Etro
Sandra Bonzi e Claudio Bisio da Etro
Gabriele Esposito da Etro
Carl Brave da Etro
Johannes Huebl da Etro
Marco Bocci da Etro
Marco Fantini da Etro
Manuela Suma e Nicola Savino da Etro
I Negramaro da Etro
Alice Pagani alla presentazione di 6 MONCLER 1017 ALYX 9SM
Sita Abellan alla presentazione di 6 MONCLER 1017 ALYX 9SM
Giuseppe Maggio alla presentazione di 6 MONCLER 1017 ALYX 9SM
Barbara Palvin e Dylan Sprouse alla presentazione di 6 MONCLER 1017 ALYX 9SM
Tedua alla presentazione di 6 MONCLER 1017 ALYX 9SM
Rickey Thompson alla presentazione di 6 MONCLER 1017 ALYX 9SM
Biagio Antonacci, Roberta Armani e Paola Cardinale da Emporio Armani
Cody Simpson da Emporio Armani
Riki e Francesco Facchinetti da Emporio Armani
Saul Nanni da Emporio Armani
Chiara Ferragni da Dsquared2
Cody Simpson da Dsquared2
Melissa Satta da Dsquared2
Denise Capezza da Dsquared2
Valentina Ferragni da Dsquared2
Barbara Palvin da Dsquared2
Riccardo Mandolini da Dsquared2
Dylan Sprouse da Dsquared2
Jon Kortajarena da Dsquared2
Austin Mahone da Dsquared2
Biondo alla presentazione di Giuseppe Zanotti
Renato Zero alla presentazione di Giuseppe Zanotti
Marco Fantini e Beatrice Valli alla presentazione di Giuseppe Zanotti
Saturnino Celani alla presentazione di Giuseppe Zanotti
Dark Pyrex, Tony Effe e Wayne Santana da Dolce & Gabbana
Blake Gray da Dolce & Gabbana
Chase Hudson da Dolce & Gabbana
Cash e Maverick Baker da Dolce & Gabbana
Rosalba da Dolce & Gabbana
Favij da Dolce & Gabbana
HRVY da Dolce & Gabbana
Isaac Hempstead-Wright da Ermengildo Zegna
Quincy Taylor Brown da Ermengildo Zegna
Mahershala Ali da Ermengildo Zegna
Sasha Luss da Ermenegildo Zegna
Shanina Shaik da Ermenegildo Zegna

LEGGI ANCHE

Giorgio Armani, un uomo tutto da toccare per l’Autunno/inverno 2020-21

LEGGI ANCHE

Prada, l’uomo surreal-classic dell’Autunno-inverno 2020/21

LEGGI ANCHE

Dolce & Gabbana, omaggio all’artigianalità per l’Autunno-inverno 2020/21

TUTTO IL MEGLIO DELLE SFILATE UOMO AI 2020/21:

Bianca Vitali e Stefano Accorsi da Giorgio Armani
Luca Marinelli e Alissa Jung da Giorgio Armani
Charles Leclerc da Giorgio Armani
Ferzan Ozpetek da Giorgio Armani
Taron Egerton da Giorgio Armani
Edoardo Leo da Giorgio Armani
Niels Schneider da Fendi
Barbara Palvin e Dylan Sprouse da Fendi
Cody Simpson da Fendi
Adele Exarchopoulos da Fendi
Fedez da Fendi
Iris Law da Fendi
Belen Rodriguez e Stefano de Martino da Marcelo Burlon
Antoine Bethea da Marcelo Burlon
Achille Lauro da Marcelo Burlon
Chiara Ferragni e Fedez da Prada
Barbara Palvin e Dylan Sprouse da Prada
Nicolas Winding Refn da Prada
Casey Spooner da Prada
Luca Guadagnino da Prada
Rickey Thompson da Prada
Theaster Gates da Prada
Eric Underwood da Salvatore Ferragamo
Marco Fantini da Salvatore Ferragamo
Tyrod Taylor da Salvatore Ferragamo
Irama da Etro
Andrea Pirlo e Valentina Baldini da Etro
Sandra Bonzi e Claudio Bisio da Etro
Gabriele Esposito da Etro
Carl Brave da Etro
Johannes Huebl da Etro
Marco Bocci da Etro
Marco Fantini da Etro
Manuela Suma e Nicola Savino da Etro
I Negramaro da Etro
Alice Pagani alla presentazione di 6 MONCLER 1017 ALYX 9SM
Sita Abellan alla presentazione di 6 MONCLER 1017 ALYX 9SM
Giuseppe Maggio alla presentazione di 6 MONCLER 1017 ALYX 9SM
Barbara Palvin e Dylan Sprouse alla presentazione di 6 MONCLER 1017 ALYX 9SM
Tedua alla presentazione di 6 MONCLER 1017 ALYX 9SM
Rickey Thompson alla presentazione di 6 MONCLER 1017 ALYX 9SM
Biagio Antonacci, Roberta Armani e Paola Cardinale da Emporio Armani
Cody Simpson da Emporio Armani
Riki e Francesco Facchinetti da Emporio Armani
Saul Nanni da Emporio Armani
Chiara Ferragni da Dsquared2
Cody Simpson da Dsquared2
Melissa Satta da Dsquared2
Denise Capezza da Dsquared2
Valentina Ferragni da Dsquared2
Barbara Palvin da Dsquared2
Riccardo Mandolini da Dsquared2
Dylan Sprouse da Dsquared2
Jon Kortajarena da Dsquared2
Austin Mahone da Dsquared2
Biondo alla presentazione di Giuseppe Zanotti
Renato Zero alla presentazione di Giuseppe Zanotti
Marco Fantini e Beatrice Valli alla presentazione di Giuseppe Zanotti
Saturnino Celani alla presentazione di Giuseppe Zanotti
Dark Pyrex, Tony Effe e Wayne Santana da Dolce & Gabbana
Blake Gray da Dolce & Gabbana
Chase Hudson da Dolce & Gabbana
Cash e Maverick Baker da Dolce & Gabbana
Rosalba da Dolce & Gabbana
Favij da Dolce & Gabbana
HRVY da Dolce & Gabbana
Isaac Hempstead-Wright da Ermengildo Zegna
Quincy Taylor Brown da Ermengildo Zegna
Mahershala Ali da Ermengildo Zegna
Sasha Luss da Ermenegildo Zegna
Shanina Shaik da Ermenegildo Zegna

LEGGI ANCHE

Pitti Uomo 97 al via. Ecco cosa è successo

LEGGI ANCHE

Elisabetta Canalis a Pitti: «No, non mi manca proprio niente»

LEGGI ANCHE

Stefano Pilati, lo stilista torna (a Pitti) con Random Identities

Altre Notizie su Inprime