Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

La regina Elisabetta e il suo patrimonio stellare («ma che risentirà della Brexit»)

Beatles
Fan
Gin
Malta
Suocera
London Bridge
Edoardo
Wallis Simpson
Nanny
Amici
Elisabetta II dalla A alla Z, edizioni Piemme

La regina Elisabetta avrà un calo di entrate economiche a causa della Brexit. La rivelazione – certificata dai dati – arriva grazie al nuovo libro di David McClure, «The Queen’s True Worth», che ricostruisce i bilanci della corona britannica aggiungendo alcuni fondi europei spesso trascurati. Secondo l’esperto, infatti, la ricchezza personale della sovrana si aggirerebbe intorno ai 400 milioni di sterline (oltre 435 milioni di euro), 50 milioni in più rispetto alle precedenti stime.

Ma cosa è dovuto questo «incremento» patrimoniale? Secondo McClure – e le anticipazioni del Daily Express – è merito dei contributi sborsati da Bruxelles per le tenute agricole di Sandringham, nel Norfolk. In effetti quella residenza reale, a differenza ad esempio di Buckingham Palace, è proprietà della regina, che l’ha ereditata nel 1952 alla morte di suo papà, re Giorgio VI: fino agli Settanta, però, a livello economico non ha fruttato nulla alla corona a causa della numerose aziende.

Fondamentale è stata la scelta del principe Filippo di accorpare le piccole fattorie in dodici grandi blocchi, poi l’ingresso del Regno Unito nella Comunità Economica Europea nel 1973 ha fatto il resto. Da quel momento Sandringham – che è pure una tra le poche aziende produttrici di ribes nero – ha cominciato a beneficiare degli emolumenti garantiti della Politica Agricola Comune europea, ai quali si aggiungono i fondi ricevuti dal principe Carlo per lo sviluppo di progetti sostenibili.

Dalla ricostruzione di McClure, la regina si sarebbe messa in tasca oltre tre milioni di sterline soltanto negli ultimi cinque anni, con addirittura 936 mila sterline nel 2019 (+55% rispetto alla stagione precedente). A interrompere questo flusso di denaro, però,  arriverà come una mannaia la Brexit, che dal 31 dicembre sancirà ufficialmente il divorzio tra Londra e l’Unione Europea. Ma quanto questa separazione influirà sulle finanze della corona inglese non è possibile saperlo con esattezza.

D’altronde, eccezion fatta per il denaro pubblico derivato dai sudditi, il patrimonio della monarchia britannica è assolutamente top secret.

LEGGI ANCHE

Harry, con Meghan «il compleanno più bello» (lontano da corte)

LEGGI ANCHE

La regina Elisabetta sta per tornare (tra Windsor e Buckingham Palace)

Altre Notizie su Inprime